PICCOLE DONNE FANNO GRANDE MUSICA

La passione per la musica è già da sola una confessione. Sappiamo di più su uno sconosciuto appassionato di musica che su qualcuno che alla musica è insensibile e che incontriamo ogni giorno. (EM Cioran)

24 Giugno 2017

La “Festa della Musica di Brescia” è un evento musicale che dal 2014 richiama in strade e piazze artisti che regalano il loro talento per un giorno alla città, prendendola in ostaggio con i suoi amplificatori e 90 palchi disposti tra le sue vie.

Jean Luc Stote, il direttore artistico dell’evento ha reclutato oltre 3 mila musicisti: «Mi accusano di far suonare cani e porci, ma il senso della festa è diffondere e fare la musica, e non promuovere una band».

«La prima edizione è stata tutta da inventare, spiegare, correggere. Ora, al quarto anno, è accaduto un piccolo miracolo: ogni pezzo del mosaico, le varie realtà che abbiamo coinvolto, è diventato capace di organizzare la sua parte di evento».

Come un pifferaio magico Jean Luc Stote (cit. il vicesindaco Laura Castelletti) ha indotto in tentazione altre città, pronte a seguirlo e plagiare il suo evento-manifesto: «Ci hanno chiamati da ovunque per chiedere consigli e suggerimenti: ho ricevuto persino un assessore di Cagliari»

«Chiunque in questa città ha un figlio, un nipote, un vicino di casa o un sindaco che suona: il rumore della festa non può fare che bene».

Quest’anno, alle ore 19.00 di sabato 24 giugno, anche lo showroom 39Vantini si allestirà per ospitare artisti durante questa manifestazione.

Le protagoniste della serata saranno giovani artiste dai 9 ai 20 anni, pronte a rendere onore al linguaggio universale della musica esibendosi dal vivo con gli strumenti (pianoforte, violino, violoncello o viola) che le contraddistinguono.